Palestina! Manakiche b’tzaatar, La ricetta della focaccia Araba con lo Za’Hatar!

Palestina! Profumi arabi e sapori mediterranei!

Una classica ricetta palestinese, semplice semplice, amata molto anche e soprattutto dai bambini, la pizza za’hatar, (manakiche b’tzaatar) un tipo di focaccia salata molto sottile che assume, grazie allo za’hatar, un sapore molto piacevole e intrigante.

Lo Za’Hatar

Lo za’hatar è una miscela di spezie tradizionalmente composta da timo, sesamo e sale, ma la cui composizione varia e può prevedere origano, cumino, finocchio, maggiorana, sumach. infatti, come per molte miscele orientali di spezie, ogni famiglia ha la sua ricetta,In Libano si ritiene che lo za’atar fafforzi corpo e mente:  per questo motivo i bambini sono incoraggiati a mangiare cibi insaporiti con questa miscela; un panino aromatizzato allo za’atar è una colazione tradizionale prima di un esame.Gli israeliani considerano la pizza za’hatar un loro piatto tipico e lo servono con ceci e olive.

Manakiche b’tzaatar

Ingredienti per quattro persone:

  • 200 ml di acqua,
  • 350 g di farina bianca,
  • una cipolla bianca,
  • un cubetto di lievito di birra,
  • un cucchiaino di miele,
  • un cucchiaino di sale,
  • una tazza di olio extravergine di oliva,
  • quattro cucchiai di za’hatar

Procedimento

Mescolare in una terrina acqua, farina, lievito ammorbidito in òpoca acqua tiepida, un cucchiaino di miele e tre cucchiai di olio.

Impastare su un piano di lavoro fino ad avere una pasta morbida e liscia.

Far lievitare per circa due ore in un recipiente coperto da un panno, al riparo da correnti d’aria e in un luogo caldo

stendere la pasta e formare delle pizze sottili di circa 15 20 cm di diametro.

Riscaldare il forno a 250°, condire le pizze con fettine sottili di cipolla, abbondante olio di oliva , lo za’hatar, sale e pepe.

Servire calda.

 

Lo Za’Hatar lo trovate da Chicchi e Baccelli, con tantissime altre spezie!

rif. Valeria Calamaro, Spezie, i Sapori del Mondo in cucina.
La foto è presa da Chicho’s Kitchen

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *